La musica delle feste… e non solo

Quello natalizio è il periodo dell’anno in cui gli artisti provano a riciclarsi: c’è chi apre una parentesi fuori tempo cantando inni delle feste, chi ci prova con un best of, e chi invece con l’album di Natale tenta di rilanciare la propria immagine. Lo ha fatto il tenore Plácido Domingo che, memore del successo della strenna natalizia del collega Andrea Bocelli nel 2009, pubblica un album omonimo, My Christmas, in cui, nella sua personale maniera a metà tra lirica pura e pop-opera, reinterpreta i più tradizionali classici del Natale, da Have Yourself a Merry Little Christmas a Silent Night.

Forti del loro primo album al primo posto nella Billboard Chart, anche i Pentatonix, gruppo che come i nostrani Neri per caso (a proposito, ma che fine avran’ fatto?) cantano (manco a dirlo) a cappella, e anche in questo loro nuovo EP di Natale, That’s Christmas to Me, ridanno vita a pochi classici delle feste.

Se per i vostri party di Natale cercate invece qualcosa di classicamente bello, ma non strettamente natalizio, la scelta giusta allora è IL DIVO, il gruppo di tenori spagnoli che ripropongono con Amor y Pasiòn invece pezzi famosi della musica iberica da Quizás, Quizás (Perhaps, Perhaps, Perhaps) a Bésame Mucho, passando per Quién Será, per un natale caldo.

Ma Natale è soprattutto “bambini” e per la loro gioia, ma anche per tutti gli appassionati di musica, è arrivato We Love Disney, album che reinterpreta i maggiori successi dei cartoni animati della casa di Topolino cantanti dai maggiori artisti della scena emergente e non solo: da Ariana Grande, che dal tema di Hercules propone Zero to Hero (a proposito oggi Ariana esce anche con Focus, singolo che anticipa il nuovo album Moonlight) a Jessie Ware che dà voce al tema di Cenerentola, passando per i più noti Ne-Yo (Friend like me, da Aladdin) e Gwen Stefani che canta i Muppet.

Sul fronte best of quest’anno ci (ri)prova Anastacia. Ritornata alla musica lo scorso anno con Resurrection, album letteralmente resuscitato dalla fine degli anni ’90 quando ha esordito, quest’anno propone Ultimate Collection. Inutile dire che un artista dovrebbe pubblicare una “ultimate” o quando si ritira o quando muore, ma la cantante di I’m outta love oltre ai suoi successi ha aggiunto qualche singolo e qualche cover, come Army of me, pezzo dance originariamente cantato da Christina Aguilera in Lotus del 2012, che l’artista riarrangia in chiave rock.

Ma il Natale, si sa, è anche il periodo dell’anno in cui si diventa malinconici, e se la tristezza è un po’ il vostro mood delle feste, la vostra perfetta colonna sonora è quella del documentario AMY, incentrato sulla vita della compianta Amy Winehouse, che è un compendio delle sue performance live migliori, qualche demo e i brani originali appositamente composti per il documentario da Antonio Pinto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *