James Longman: un nuovo report sulla situazione del popolo LGBT+ in Cecenia.

James Longman - Situazione LGBT+ in Cecenia

Il giornalista britannico è stato coinvolto in uno scambio di opinioni teso e delicato con il capo delle forze di polizia della Cecenia durante un recente report investigativo sulla situazione delle persone LGBT+ nel paese.

Dopo la prima notizia trapelata all’inizio del 2017 della così detta “purga” anti-gay in Cecenia, il mondo ha guardato e commentato con orrore le storie di sparizioni e torture per mano della polizia che sono successe nella regione semi-autonoma della Russia.

Quasi tre anni dopo la pubblicazione dei primi rapporti, James Longman di ABC News si è recato in Cecenia per Nightline per scoprire di più sulla situazione attuale.

Dopo aver sentito il sopravvissuto ai campi di tortura, Amin Dzhabrailov, che è stato “picchiato e fulminato” dalla polizia per due settimane dopo essere stato arrestato mentre era dal parrucchiere dove lavorava (in seguito Amin è fuggito dal paese, trovando rifugio politico in Canada), Longman ha incontrato il capo di Le forze di polizia della Cecenia, Apti Alaudinov.

Chiedi qualche ceceno, hai dei gay in famiglia? Ti darà un pugno”, gli dice Alaudinov.

Perché? Perché per lui è un insulto.

Alaudinov nega le accuse di tortura sponsorizzata dallo stato nei confronti di persone LGBT+ in Cecenia, ma aggiunge minacciosamente: “Riesci a trovarmi uno stato al mondo in cui un poliziotto non ha commesso alcun tipo di crimine?”

Per Longman, che in precedenza aveva lavorato alla BBC News prima di trasferirsi alla ABC nel 2017, il problema è personale: lui stesso omosessuale, ha lasciato che le telecamere riprendessero il teso e delicato momento in cui Longman diceva ad Alaudinov di essere gay. Notizia, che a quanto pare, lo ha preso letteralmente alla sprovvista. 

È la tua vita e dovresti vivere come vuoi“, dichiara sorprendentemente Alaudinov; dichiarazione inusuale in un paese in cui le persone LGBT+ non hanno la stessa libertà.

Ma allo stesso tempo, non insegnarci come dobbiamo vivere. Tutto qui!

Gruppi per i diritti umani riferiscono che la persecuzione della polizia nei confronti delle persone LGBT+ in Cecenia è ancora in corso, dopo che un’inchiesta del governo russo dell’anno scorso ha respinto le accuse perché “non sono riusciti a trovare” alcun testimone LGBT+ disposto a farsi avanti. (ndr. E chissà perché?)

Di seguito lasciamo il video completo del report di James Longman sulla situazione delle persone LGBT+ in Cecenia:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.