Il ministero degli Esteri russo ha formalmente richiamato le ambasciate del Regno Unito, degli Stati Uniti e del Canada per aver esposto una bandiera arcobaleno durante il mese del pride.

Vladirmi Putin is Isolamento per Covid-19

L’omofobia allo stato puro.

“Sì, abbiamo approvato una legge che vieta la propaganda dell’omosessualità tra i minori. E allora? Lasciamo che le persone crescano, diventino adulti e poi decidano i loro destini. “

Questo è ciò che Putin ha detto durante il mese del pride, quando gli è stato detto che l’ambasciata americana stava sventolando una bandiera arcobaleno dalle finestre, ma ora le cose sono diventate formali e il ministero degli Esteri russo ha inviato un reclamo ufficiale alle ambasciate britanniche, statunitensi e canadesi per dopo che esse hanno esposto una bandiera arcobaleno durante il mese dell’orgoglio gay.

Ambasciata Americana a Mosca

Il legislatore della Duma di Stato, Vasily Piskarev ha confermato che erano state inviate note di protesta a quelle ambasciate a Mosca in quanto non rispettavano la legge che non consente alcuna “propaganda gay” nei territori russi.

In un Paese in cui i diritti LGBT+ non esistono, almeno i rappresentanti di alcuni paesi socialmente avanzati mostrano amore e rispetto, insieme al sostegno alla comunità LGBT+ di Mosca e di tutto il mondo.

Check the English Version here

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.